La casa coniugale: cosa accade in caso di separazione dei coniugi?

La casa coniugale è l’abitazione presso cui la famiglia ha il proprio centro di aggregazione e dove sono radicati i suoi interessi; può essere di proprietà dei coniugi oppure di un terzo.

Cosa accade alla casa coniugale in caso di separazione dei coniugi?

Bisogna distinguere se la casa coniugale sia di proprietà dei coniugi oppure di un terzo, come genitori o parenti ma anche un proprietario presso il quale i coniugi sono in affitto.

I coniugi sono comproprietari

Nel primo caso, ad esempio coniugi comproprietari al 50%, la casa rimane in proprietà e il coniuge che esce di casa avrà diritto al pagamento di una somma di denaro quantificabile come un canone di locazione da parte del coniuge assegnatario della casa coniugale.

Mutuo

Può darsi il caso in cui i coniugi stiano ancora pagando un mutuo: in tal caso, saranno obbligati entrambi a continuare a pagare le rate del mutuo fino all’estinzione oppure uno dei due potrà decidere di accollarsi la quota di mutuo residua, così da diventare poi unico proprietario.

Questo può ad esempio accadere considerando il fatto che estinguere il mutuo prima della scadenza si rivelerà più oneroso di quanto non sia alla scadenza: questo può determinare i coniugi a continuare a pagare il mutuo, congiuntamente oppure con l'accollo delle rate residue del mutuo da parte di uno dei coniugi.

La casa coniugale appartiene a terzi

Locazione

Se i coniugi sono in affitto (locazione abitativa), continuerà a pagare il canone solo il coniuge che rimarrà ad abitare nella casa; potrebbe eventualmente essere necessario fare una variazione al contratto di affitto segnalando all’Agenzia delle Entrate che l’appartamento è occupato da una sola persona.

La casa è dei suoceri

Se invece la proprietà della casa coniugale è dei genitori di uno dei coniugi, spetterà ai proprietari decidere se continuare a dare in uso la casa, e a che condizioni, oppure reclamarne la disponibilità.

Può capitare che l’immobile in cui risiedeva la famiglia sia di proprietà dei nonni paterni e il padre esca di casa.
I nonni hanno il diritto, trattandosi di immobile in loro proprietà, di chiedere che la famiglia sposti la residenza e rientrare così nella disponibilità della casa.

Solitamente infatti viene stipulato un contratto di comodato gratuito che ha la funzione di consentire la restituzione dell’immobile a richiesta: i nonni richiedono la casa coniugale e la famiglia è tenuta a lasciarla.

Molto spesso accade che nel contratto di comodato viene indicate la clausula che l’immobile verrà lasciato in disponibilità ai nipoti fino alla loro maggiore età o autosufficienza economica, così da permettere alla famiglia di continuare ad avere la residenza nella casa coniugale e tutelare le esigenze dei nipoti.

I criteri per l’assegnazione della casa coniugale

L’unico e principale criterio di assegnazione della casa coniugale è la eventuale presenza di figli.

La giurisprudenza ha chiarito più volte che, in caso di separazione o divorzio, la casa coniugale viene assegnata al coniuge che convive con i figli.

Lo scopo di tale orientamento è sicuramente quello di conservare l’habitat domestico ed evitare che i figli possano subire il trauma di dover cambiare l’ambiente familiare a seguito della separazione dei genitori.

Inoltre, va specificato che il coniuge assegnatario della casa coniugale, perché collocatario del minore, non è titolare del diritto di proprietà, ma solo del diritto di godimento della casa; tale diritto perdura fino a quando i figli non abbiano raggiunto la maggiore età e l’autosufficienza economica.

Seppur l’assegnazione della casa coniugale non abbia una finalità di contribuzione economica, tuttavia rappresenta indirettamente un beneficio economico per il coniuge assegnatario. Quest’ultimo, infatti, non dovrà comprare casa oppure prenderne un’altra in locazione.

Il coniuge assegnatario può comunque far trascrivere il provvedimento di assegnazione della casa in modo che se l’altro dovesse mettere in vendita l’immobile, eventuali acquirenti non potranno vantare alcuna pretesa sull'immobile.

Nel caso in cui i coniugi comproprietari si separino senza figli, si segue la disciplina generale del diritto di proprietà: qualora i coniugi non trovino un accordo, l’unica soluzione sarà quella di procedere con una divisione.


Leggi anche

La revoca del mandato all'agenzia immobiliare: quando è dovuta la penale?

Alcuni aspetti da tenere presente per il contraente che decida di revocare il mandato all'agenzia immobiliare.


Le spese di gestione e manutenzione della casa

Il diritto di godere dell'immobile comporta che il coniuge assegnatario debba sobbarcarsi le spese ordinarie di gestione dello stesso.

Se la casa fa parte di un condominio, le spese ordinarie (ad esempio, tinteggiatura dei locali, manutenzione delle scale, ascensore) sono a carico del coniuge assegnatario, mentre quelle straordinarie (ad esempio, rifacimento impianti, ripristino intonaci, ecc.) sono a carico del proprietario dell’immobile: in caso di comproprietà, le spese di gestione sono dunque da dividersi tra i coniugi.

Conclusione

In caso di separazione la prima domanda da porsi è capire se la casa coniugale è in proprietà ai coniugi e se è loro intenzione conservarla oppure sia meglio venderla per poi comprare due case distinte.

In caso si decida di tenere la casa anche dopo la separazione, l’assegnazione e tutti gli oneri relative alla gestione saranno a carico del genitore che terrà la prole, mentre le spese straodinarie ed eventuale mutuo saranno a carico di entrambi salvo diversa decisione di cambiare le quote di proprietà.


Avvocato aste immobiliari

Federica Rosa

Avvocato immobiliarista a Modena

Avvocato civilista a Modena, fornisco assistenza sulla contrattualistica a imprese di piccola e media dimensione per gestione ordinaria degli affari. Mi occupo principalmente di Diritto Civile, Diritto Successorio e Diritto Immobiliare.


Creative Commons License

Ultime domande pubblicate

Nullità del matrimonio e divorzio (1 risposta)
Buongiorno, sono legalmente separata e sto per avviare la causa per ottenere l'annullamento del matrimonio. Il mio ex marito mi ha appena contattato chiedendo il divorzio. La...

Sono in affitto e il proprietario mi chiede di pagare per i debiti lasciati dall'amministratore di condominio; sono tenuta a pagare? (1 risposta)
Buonasera, sono inquilina in affitto in un appartamento. Sono venuta a conoscenza dal proprietario che l’amministratore di condominio ad oggi revocato, non ha pagato diversi...

Rinuncia all'eredità in presenza di debiti del defunto nei confronti del fisco (2 risposte)
Buongiorno, venendo a mancare mio padre mi sono recato all'Agenzia delle Entrate richiedendo una verifica dei carichi pendenti sul defunto; mio malgrado ho accertato che ci sono...

Vendita di immobile pignorato: come può tutelarsi l'acquirente? (1 risposta)
Buongiorno, ho firmato un compromesso di vendita di un immobile con scadenza 31 marzo 2022; la trattativa è stata mediata da un agente immobiliare. Da inizi di marzo i...

Smart contract e blocco account su exchange (1 risposta)
Buongiorno abbiamo da poco attivato uno smart contract eth attraverso Coinbase facendo degli investimenti compreso un prestito comunque già saldato. Successivamente abbiamo...
Diritto

Articoli recenti

Guida alle licenze Creative Commons
Giu 30, 2022
Come posso conservare e tutelare il mio diritto sui contenuti che pubblico online pur consentendo ...
La casa coniugale: cosa accade in caso di separazione dei coniugi?
Nov 10, 2021
La casa coniugale è l’abitazione presso cui la famiglia ha il proprio centro di aggregazione e ...
Il processo breve e la nullità del matrimonio nel Diritto Canonico
Feb 03, 2021
Il processo canonico per le cause di dichiarazione di nullità del matrimonio è stato riformato ...