Chiedi ad un avvocato

Ripartizione spese legali a seguito di assoluzione

Buongiorno
ho querelato una persona per avermi aggredito; denuncia per lesioni personali, costituendomi parte civile.

Incredibilmente la sentenza del Giudice di Pace è stata per assoluzione perché il fatto non sussiste con stupore mio e del mio avvocato.

Desidero sapere se rischio di dover pagare le spese legali dell'avvocato sostenute dall' imputato assolto oppure se sono tenuto a pagare solo quelle del mio avvocato.

Inoltre se è possibile fare appello a tale decisione e fare ricorso, seppur temo che, trascorsi ormai 4 anni già dal fatto, verrebbe prescritto.

Grazie



Categoria: Diritto Penale

Buongiorno,
in base agli artticoli 542 e 427 del Codice di Procedura Penale, quando si tratta di reato per il quale si procede a querela della persona offesa, con la sentenza di assoluzione perché il fatto non sussiste o l’imputato non lo ha commesso, il Giudice condanna il querelante alla rifusione delle spese legali sostenute dall’imputato, soltanto però nei casi in cui quest’ultimo abbia proposto la relativa domanda.

Tale condanna deve, peraltro, essere preceduta da un motivato giudizio positivo sull’esistenza dell’elemento della colpa nell’esercizio del diritto di querela.

Il querelante, qualora sia condannato alla refusione delle spese processuali sostenute dall’imputato, può impugnare il relativo capo della sentenza, a norma dell’articolo 576 del Codice di Procedura Penale, 2° comma.

Quanto all’impugnazione della parte civile, quest’ultima è legittimata a proporre appello avverso la sentenza di proscioglimento pronunciata dal Giudice di Pace, ai soli effetti civili, nel senso che il Giudice d’appello ha il potere di affermare la responsabilità dell’imputato agli effetti civili e condannarlo al risarcimento e alle restituzioni, ferma restando la proponibilità del solo ricorso per Cassazione, anche ai fini penali, (art. 38 d.lgs. n. 274 del 2000), nel caso in cui il procedimento sia stato instaurato a seguito di ricorso immediato al Giudice.

Il proscioglimento con la formula il fatto non sussiste, l’imputato non lo ha commesso, il fatto non costituisce reato, non è previsto dalla legge come reato prevale sull’eventuale declaratoria di estinzione del reato per intervenuta prescrizione (articolo 129, del Codice di Procedura Penale, comma 2).

Cordiali saluti.

Risposta


Prima di andare via...

Se hai trovato utile questa risposta, condividila sui social tramite i tasti che trovi in basso: aiuteresti altri utenti alla ricerca delle stesse informazioni e ci daresti una mano a far conoscere la nostra iniziativa.

Contiamo sulla tua collaborazione!

Registrati o effettua il login per rispondere a questa domanda.  Clicca qui per entrare
Risorse

Come possiamo aiutarti?

Hai un problema legale e non sai da dove cominciare?

Cerca Avvocato

Cerca Avvocato

Trova e contatta l'avvocato adatto al settore legale di tuo interesse.

Chiedi ad un avvocato

Chiedi ad un avvocato

Gli avvocati rispondono alle tue domande nella apposita sezione.

Il nostro blog

Il nostro blog

Aggiornamenti ed approfondimenti in materia legale.