L'Amministratore di Sostegno Può Prelevare Dal Conto Corrente Del Beneficiario?

Con la precedente risposta abbiamo visto che l'amministratore di sostegno può compiere gli atti di ordinaria amministrazione nell'interesse del beneficiario, e che ogni atto ulteriore necessita della preventiva approvazione del Giudice tutelare. Con la risposta che segue forniamo qualche precisazione in merito al prelievo dal conto corrente da parte dell'amministratore di sostegno.

Risponde alla domanda Federica Rosa, avvocato con esperienza in materia di amministrazione di sostegno.


Vincenzo Lalli

Vincenzo Lalli

Amministratore
Contatti


Categoria: Diritto Civile

Risposte (1)

L'amministratore di sostegno può prelevare dal conto concorrente del beneficiario a patto di attenersi a quanto disposto dal Giudice tutelare con il decreto di nomina. Infatti, operazioni quali disposizioni di bonifico e prelievi dal conto corrente vengono autorizzate direttamente in sede di nomina, eventualmente a determinate condizioni. Ad esempio, il Giudice può prevedere un limite massimo alle spese mensili e dunque ai prelievi che l'amministratore di sostegno può effettuare dal conto corrente del beneficiario.

Si precisa che essendo l'amministratore di sostegno tenuto a depositare un rendiconto annuale e, sapendo già in sede di nomina quali sono le spese ricorrenti (ad esempio locazioni, casa di cura, visite mediche periodiche a pagamento), può essere utile specificare una somma mensile di cui il beneficiario necessita e che l'amministratore chiede di poter gestire ad esempio prelevando somme dal conto corrente del beneficiario.

Risposta

Contatta l'avvocato per una consulenza

avvocato Federica Rosa

Federica Rosa

Avvocato immobiliarista a Modena

Sono avvocato civilista a Modena; presto assistenza legale a privati ed imprese in materia di Diritto Immobiliare e Diritto Successorio.

federicarosa.it


Chiedi ad un Avvocato

COME PUBBLICARE UNA DOMANDA?

Registrati o effettua il login per rispondere a questa domanda.  Clicca qui per entrare