Diritto & Tecnologia

Sul blog di Avvocloud pubblichiamo aggiornamenti ed approfondimenti su Diritto, tecnologia e legal tech.
la bandiera dell'Unione Europea

The proposal for a European Regulation on cybersecurity requirements for products with digital elements, known as Cyber Resilience Act, introduces new requirements, obligations and penalties for software manufacturers, including open source developers: the goal is to improve cybersecurity in Europe. In this article, we analyze some aspects of the Cyber Resilience Act which would make it, as pointed out by many open source stakeholders like the Python Software Foundation, both ineffective and a threat for the open source ecosystem in Europe.

Il Cyber Resilience Act è una proposta di regolamento europeo che intende migliorare la cybersecurity dei prodotti con elementi digitali. A tal fine, la proposta di Regolamento prevede nuovi obblighi e responsabilità per chi scrive o distribuisce software. In questo articolo evidenziamo alcuni aspetti critici del Cyber Resilience Act, in particolare il forte disincentivo che introduce per lo sviluppo di software open source in Europa.

illustrazione di una lampadina accessa

Creare una startup innovativa partendo da un’idea è un’attività complessa, che richiede una buona dose di coraggio e un approccio ben strutturato per organizzare le risorse, spesso non abbondanti, disponibili all’inizio. In questo articolo vediamo alcuni aspetti che lo startupper o founder dovrà considerare all'inizio del suo percorso.

La privativa industriale è un diritto su un bene o prodotto dell'ingegno riconosciuto in esclusiva all'inventore o "creatore" del bene o prodotto in questione. Il titolare della privativa industriale acquisisce il diritto allo sfruttamento economico del bene oggetto del diritto, che può esercitare direttamente o concedere a terzi stipulando un contratto di licenza.

due mani che si stringono in una stretta di mano

Il work for equity è una modalità a disposizione di startup innovative, SRL e SPA, per retribuire prestazioni lavorative attraverso la cessione di azioni o quote della società. Si tratta di uno strumento particolarmente adatto alle startup innovative che possono così avere accesso a prestazioni lavorative e professionali qualificate pur non disponendo di molta liquidità. Vediamo come funziona il work for equity, la normativa di riferimento e quali possono essere i vantaggi per startup, SRL e ora anche per le PMI innovative.

un cartello con su scritto welcome we are open appeso ad una porta

Il Codice del Consumo viene aggiornato per il 2023: la riforma prevede nuove norme sugli acquisti online su e-commerce e marketplace; vengono inoltre previste nuove pratiche commerciali ingannevoli e aumentate le sanzioni per le clausole vessatorie. Cambia anche il diritto di recesso e vengono previsti nuovi obblighi informativi per il professionista, in particolare nel caso di sconti e riduzione dei prezzi.

illustrazione di moduli di un contratto

Le clausole vessatorie sono termini di un contratto particolarmente sfavorevoli per il consumatore: creano uno squilibrio significativo tra gli obblighi e diritti derivanti dal contratto a favore del professionista e a danno del consumatore. Un esempio di clausola vessatoria è quella che prevede una penale eccessiva per l'inadempimento del consumatore, o che attribuisce solo al professionista il diritto di recesso dal contratto.

In questo articolo esaminiamo la disciplina delle clausole vessatorie secondo l'articolo 33 e seguenti del Codice del Consumo aggiornato al 2023. Menzioneremo qualche esempio di clausole vessatorie, distinguendo tra quelle della lista grigia, che sono valide a certe condizioni, da quelle della lista nera, ossia sempre vessatorie e nulle anche se sottoscritte dal consumatore.

un campo di grano con il sole che tramonta sullo sfondo

Il diritto di prelazione su terreno agricolo o prelazione agraria è la priorità all'acquisto di un terreno agricolo che spetta al coltivatore diretto affittuario del fondo o al proprietario di un terreno confinante. Se il proprietario decide di vendere, questi hanno la precedenza a parità di prezzo sugli altri acquirenti e possono riscattare il terreno da un terzo acquirente ove non siano stati correttamente informati della vendita.

una stretta di mano

Il contratto di vendita internazionale è uno strumento indispensabile per organizzare e gestire le relazioni con i clienti, prevedere e disciplinare in anticipo i rischi commerciali e favorire il recupero del credito all'estero.

illustrazione di un foglio con un testo scritto

Il diritto di recesso è la facoltà riconosciuta al consumatore di svincolarsi da un contratto stipulato al di fuori dei locali commerciali, entro il termine di 14 o in alcuni casi 30 giorni. Il diritto di recesso è noto anche come diritto di ripensamento : secondo l'articolo 52 del Codice del Consumo il consumatore può recedere dal contratto comunicando al venditore la sua volontà di sciogliersi dal contratto senza dover fornire alcuna giustificazione; restituisce il bene e ottiene la restituzione del prezzo eventualmente pagato.

mani di più persone che compilano un contratto

Il Codice del Consumo prevede la garanzia legale di conformità per prodotti difettosi, non conformi o privi delle caratteristiche richieste dal contratto di vendita o che il consumatore può ragionevolmente attendersi da prodotti di quel tipo. La durata della garanzia per il consumatore è di due anni che decorrono dalla consegna del bene.

Con la sentenza n. 44378 del 22 novembre 2022, la seconda sezione penale della Corte di Cassazione, riconferma (come già fatto nel 2020, cfr. sentenza Cassazione n° 26807/2020) che la vendita di criptovalute, pubblicizzata in Italia come proposta di investimento, configura attività di offerta al pubblico ed è sottoposta al controllo della Consob a tutela degli investitori e soggetta alle relative norme del TUF.

il martello usato dal giudice

Le misure protettive previste dalla composizione negoziata della crisi sono uno strumento concesso all'impresa in crisi per salvaguardare il patrimonio aziendale e permettere l'attuazione della procedura di composizione negoziata: le misure protettive in argomento bloccano le azioni esecutive dei creditori, prevengono la dichiarazione di fallimento e consentono provvedimenti cautelari volti ad agevolare le trattative.

mani che digitano su una tastiera di un laptop

La normativa e-commerce per il 2023 viene aggiornata dal Codice del Consumo per proteggere i consumatori dalle più moderne insidie delle vendite online. In particolare gli e-commerce e i marketplace sono interessati dalle nuove norme, in vigore dal 2 aprile 2023, introdotte con il Decreto Legislativo 7 marzo 2023, n. 26 (G.U. 18 marzo 2023, n. 66), in attuazione della direttiva UE 2019/2161 di tutela dei consumatori.

due monete da un centesimo

A partire da luglio 2022, l’art. 30-sexies del D. L. 152/2021 convertito in legge nr. 233/2021 prevede l’obbligo di segnalazione da parte dei creditori pubblici qualificati (INPS, Agenzia delle Entrate e Riscossione) all’imprenditore-contribuente del superamento di determinate soglie di debito, con l'invito ad aderire alla procedura di composizione negoziata per la soluzione della crisi d'impresa, ove ne ricorrano le condizioni.

logo di creative commons

Le licenze Creative Commons sono degli accordi che esprimono graficamente, attraverso dei simboli, gli utilizzi consentiti di un'opera. Questo consente agli utilizzatori di sapere da subito cosa possono fare con le opere senza dover essere espressamente autorizzati per ogni utilizzo, a differenza di quanto invece richiede il copyright. In tal modo, le licenze Creative Commons permettono ai titolari del diritto di autore di tutelare i propri diritti senza ostacolare la diffusione delle opere.

Ad esempio, le licenze Creative Commons si possono usare per concedere agli utilizzatori il diritto di copiare e distribuire l'opera, pur conservando tutti i diritti allo sfruttamento economico. Ogni utilizzo non espressamente consentito attraverso le icone richiede un apposito accordo con l'autore. Le licenze Creative Commons sono 6 e ciascuna rappresenta una combinazione diversa di diritti, espressi graficamente. Ad ogni uso consentito corrisponde un simbolo, e la combinazione dei simboli identifica la licenza.

Per indicizzare un sito web devi accertarti innanzitutto che il tuo sito sia raggiungibile da Google: l'indicizzazione può avvenire anche in maniera automatica e senza che tu faccia alcunché. Tuttavia, per indicizzare un sito rapidamente abbiamo a disposizione Google Search Console, uno strumento attraverso cui informare Google dell'esistenza del nostro sito internet, chiederne l'indicizzazione e controllare che questa poi proceda correttamente.

Come stiamo per vedere, per inviare una richiesta di indicizzazione a Google devi creare un file sitemap, caricarlo sul server del tuo web host e comunicare, attraverso Google Search Console, l'url del file sitemap appena caricato,. In tal modo, non solo renderai nota l'esistenza del tuo sito chiedendo che venga indicizzato, ma aiuterai Google anche a comprenderne la struttura indicando le pagine web da indicizzare.